19 giugno 2009

Incontro con Mara Carfagna /2

3 Comments:

Blogger jim said...

DAL SITO DI PIERO RICCA:

Ma le donne dove sono, perché non si ribellano? Le donne che vogliono emergere per le proprie capacità, per l’impegno, i meriti, le competenze, la cultura della differenza femminile. Dove sono e perché non reagiscono?
Il sultano e i suoi cortigiani sono nudi di fronte a chi ha occhi per vedere e cervello per intendere. Usano il denaro per comprarsi anime e corpi, piazzano le loro favorite in Parlamento e nei ministeri. L’incarico d’oro compensa le prestazioni, previene i ricatti e funge da trofeo, a spese dello Stato.
Mai come adesso le donne sono state usate come corpi, vendute come gadget pubblicitari, per il tempo in cui perdura la bellezza esteriore, magari aiutata dal chirurgo plastico, ostentate come status symbol alle feste di cumenda rinvigoriti dal viagra. Curatevi il look e ingraziatevi un maschio che conta: questo è il messaggio. In altre parole: al diavolo l’intelligenza, viva la fica!
Quote rosa e tacchi a spillo: siamo passati in pochi anni da Nilde Iotti a Maria Vittoria Brambilla, da Tina Anselmi a Mara Carfagna, da Emma Bonino a Barbara Matera. Compiacere il piccolo cesare, riverirlo, divertirlo, farlo sentire importante e desiderato è il nuovo paradigma dell’emancipazione femminile, l’esempio virtuoso per le giovani suddite di belle speranze, Noemi docet.
Per quali meriti politici la signora Mara Carfagna è diventata prima parlamentare e poi ministro? La ragazza viene dal giro dei calendari scollacciati e dall’intrattenimento televisivo. In quell’ambiente la scopre Papi e la lancia in politica. Ora è chiamata a garantire il ruolo delle donne nella società, perfino a lottare contro la piaga della prostituzione. Ministro della Pari Opportunità! Il grande corruttore ha il gusto della beffa.
Insomma: da qualsiasi parte lo si guardi, è un Paese assuefatto a tutto, senza alcuna dignità.

Ieri, dopo uno spassosissimo convegno con Walter Veltroni e Fedele Confalonieri che duettavano di tv e informazione, ci siamo imbattuti per caso in Mara Carfagna che passeggiava con la solita accompagnatrice e gliene abbiamo dette quattro, invitandola a dimettersi in segno di rispetto per le donne. Sopra, il video.

OGGI pomeriggio, dalle ore 18.30, saremo in piazza Argentina a Milano a manifestare ancora una volta contro l’Italia dei servi, dei banditi e delle cortigiane di Stato, raccontando tra l’altro i sugosi dettagli del convegno di ieri.

19 giugno, 2009 17:00  
Blogger bilo said...

è lo stesso video dell'altra volta no?

24 giugno, 2009 15:51  
Blogger jim said...

pò esse

25 giugno, 2009 13:46  

Posta un commento

<< Home