08 febbraio 2008

...e io pago! E loro mangiano....


Anche ieri ad Annozero ho visto le stesse facce di politici che ripetono sempre le stesse fumose ed inutili parole, che si scaldano solo quando un cittadino esasperato li attacca e loro, da dietro al muro dei loro privilegi, riescono a fare la solita figura dei "peracottari"!
E ora altri SOLDI per fare le elezioni, COLLE STESSE FACCE, con una legge cha ha appena fatto cadere un governo per le bizze del capetto di un partito (udeur) che rappresenta l'1% degli italiani. Se fossimo un Paese serio il 13 aprile nessun italiano dovrebbe entrare in un seggio elettorale. Dovremmo metterci tutti d'accordo.
Se fossimo....ma si sa, "abbiamo famiglia"....
*******************************************************************
CRONACA
Le lettere di Schindler"Amici ebrei, aiutatemi"
******************************************************************
LEGGEREZZA DEL GIORNO
Un pensionato che arriva a fine mese, ecco un esempio di sport estremo.
> Natalino Balasso
**********************************************************************
DIARIO PERSONALE
Oggi lavoro

Etichette: ,

1 Comments:

Anonymous Jim said...

DAL BLOG DI GRILLO:

La televisione è occupata dai politici che discutono di percentuali, coalizioni, apparentamenti, accordi di desistenza, collegi elettorali. E' gente separata dal Paese. Dei fatti nostri, lavoro, salute, ambiente non parla mai. Ci spiegano che la politica è una vocazione, una missione. Una volta presi i voti si è politici a vita. Chi fa politica, lo ha affermato Franceschini, deve essere disposto a sporcarsi le mani. Tangenti, reati amministrativi, corruzione si possono sempre lavare con l’indulto, con le prescrizioni, con l’abolizione del falso in bilancio. Lo sporco impossibile non esiste. C’è sempre una legge ad castam che lo fa diventare bianco che più bianco non si può. Il politico italiano DEVE avere le mani sporche. In Inghilterra “civil servants”, da noi “dirty hands”.
Ieri è successo qualcosa a Anno Zero. Dopo aver ascoltato i politici (ma cosa vuol dire questa parola?), gli starnazzamenti della Prestigiacomo, le convulsioni di Furio Colombo e il nulla di Franceschini, un ragazzo ha preso la parola. Ha parlato di sicurezza sul lavoro, delle nuove povertà, di malattie (tumori) professionali. Gli ha gridato che sono persone inutili, ma ben pagate, che parlano a vanvera. Ha detto quello che pensano gli italiani. Un altro ragazzo è intervenuto. Un ventenne con occhiali e cravatta che ha ottenuto il massimo punteggio a un concorso pubblico senza avere padrini. E per questo è stato escluso. Ha spiegato che la destra e la sinistra non esistono. Sono concetti metafisici. E ha mandato a fanculo i nostri dipendenti.Questi ragazzi sono un esempio da seguire.
Tu che mi leggi sei Beppe Grillo.
Tu puoi andare in una trasmissione televisiva, alzarti in piedi e vendicare gli italiani. Tu puoi parlare di parlamento pulito, di precariato, di morti sul lavoro, di raccolta differenziata. Lo puoi gridare.Tu puoi fare una domanda a un dipendente sul conflitto di interessi, sul falso in bilancio, sull’indulto, su Europa 7, sulla corruzione di giudici per la Mondatori e PRETENDERE una risposta con una telecamera piazzata sulla sua faccia (*).
Tu sei Beppe Grillo.

(*) Inserisci il filmato su YouTube con il tag: "Io sono Beppe Grillo"

11 febbraio, 2008 11:02  

Posta un commento

<< Home